Una volta le storie si scrivevano e si leggevano, oggi invece si fanno e si guardano. Non stiamo parlando di “capricci” infantili ma, come ben saprete, dell’ormai famoso formato di contenuti su Instagram.

Che vi piacciano o no, le storie sono uno dei formati più apprezzati dagli utenti (secondo l’ultima indagine di Blogmeter, un utente su tre le preferisce ai post e il 50% le ritiene più “genuine”); perciò se avete deciso di attivare una strategia di social media marketing per la vostra azienda su Instagram, non potete fare a meno di inserirle nel vostro piano editoriale.

In questo articolo non ci dilungheremo ad insegnarvi come caricare una storia (siamo certi che avete già imparato a farlo!), ma ci soffermeremo invece ad analizzare le caratteristiche di questo formato, per capire come possano diventare uno strumento formidabile per promuovere la vostra azienda sui canali social.

INSTAGRAM STORIES: L’ERRORE DA EVITARE

Prima di iniziare ad elencare i vantaggi delle storie per il proprio business, vi segnaliamo però uno dei più grandi errori da evitare: pubblicare nelle storie del vostro profilo aziendale gli stessi identici contenuti pubblicati nel feed di Instagram o, ancora peggio, sugli altri canali social.

Eh no, ci dispiace dirvelo ma non si fa proprio; ci sono almeno 2 valide ragioni:

1 - Il primo motivo è riferito a una questione “tecnica”

Ogni social, e ogni canale, ha le sue caratteristiche di formato; in particolare le storie di Instagram, le quali nascono in verticale 9:16. La maggior parte degli altri canali si sviluppa invece su proporzioni quadrate od orizzontali, per questo non puoi “riutilizzare” il post che hai pubblicato sulla pagina Facebook anche per la tua Instagram Story.

2 - Il secondo motivo invece è legato a una questione di “engagement”

Gli utenti che seguono i tuoi profili aziendali si aspettano di trovare contenuti sempre diversi, sia a seconda del social (Facebook rispetto a Instagram), sia a seconda del canale (nel feed rispetto alle storie). Se pubblichi nelle storie lo stesso identico contenuto che hai appena pubblicato nel feed, per quale motivo un utente dovrebbe essere invogliato a seguirti su entrambi i canali?

Proprio da quest’ultimo aspetto nasce l’esigenza di sfruttare il canale delle Instagram Stories come un ulteriore strumento per raccontare la propria azienda sotto un altro punto di vista: più diretto, veloce ed esclusivo.

Segui BRAIN su Instagram!

Vediamo quindi una per una le caratteristiche principali di questo meraviglioso strumento.

SEMPLICITÀ E VELOCITÀ

L’elemento più innovativo delle storie di Instagram, che ha sancito indiscutibilmente il loro successo, è il fattore temporale:

  • Le storie sono visibili solamente per 24 ore a partire dalla loro pubblicazione
  • Ogni storia ha una durata di circa 15 secondi 

Queste caratteristiche hanno sicuramente contribuito a trasformarli in contenuti veloci da fruire, immediati e genuini. In questo poco tempo a disposizione bisogna infatti cercare di dare visibilità agli aspetti più importanti, senza troppi “giri di parole", utilizzando quindi un linguaggio visivo semplice e diretto.

Proprio per queste caratteristiche, i profili aziendali possono sfruttare le storie per mostrare in anteprima alcuni dettagli dei nuovi prodotti, attimi della giornata lavorativa, istanti di un evento aziendale, etc.

UN NUOVO MODO DI INTERAGIRE

Per quanto possa sembrare strano, le storie sono uno dei formati che stimolano maggiormente l’interazione con il proprio pubblico.

Esse hanno infatti introdotto un meccanismo di coinvolgimento degli utenti completamente diverso da quello a cui siamo sempre stati abituati: ogni social insegna che in relazione a un post è possibile esprimere una propria reazione (chiamiamola “like”, cuoricino, “mi piace”, etc…), un proprio commento e condividere il post con la propria rete di follower; ma non solo: ogni utente può infatti vedere quanti like, commenti o condivisioni ha stimolato quel contenuto.

Anche nelle IG Stories è possibile interagire, ma i numeri dell’interazione qui non sono visibili agli utenti.

È un pro o un contro?

Dipende dai punti di vista.

In alcuni casi la riprova sociale generata da un post con tanti like e commenti positivi, favorisce ulteriormente l’interazione creando un meccanismo a catena: se l'utente vede che una foto ha molti like potrebbe essere più invogliato a interagire a sua volta con quel contenuto.

Al contrario però, il fatto di non rendere pubblici i commenti di un contenuto potrebbe far sì che le persone anche più “timide” siano invogliate ad entrare in contatto col brand. Soprattutto se sappiamo che gli unici a poter vedere quel commento saranno proprio gli autori del contenuto: in questo modo si crea una relazione diretta tra azienda e singolo follower.

Quindi in che modo è possibile interagire con le storie di Instagram?

  • Reazione: inviando una emoji
  • Messaggio: scrivendo un messaggio diretto in risposta alla storia
  • Foto/video: è possibile anche rispondere alla storia inviando una propria foto o video

Tutte queste interazioni resteranno quindi “private” e il contenuto sarà visibile solamente agli autori della storia nella sezione messaggi privati.

Oltre a queste azioni classiche, le storie hanno introdotto anche nuove modalità che permettono all'azienda di creare una relazione più divertente con i propri follower:

  • SONDAGGIO: è possibile infatti applicare alla storia una domanda SONDAGGIO che permette all’utente di scegliere una delle due risposte proposte
  • EMOJI SLIDER: proponi agli utenti una domanda a cui potranno rispondere con un cursore (su una scala da 1 a 10). Puoi scegliere quale emoji rappresenterà la loro risposta e gli utenti vedranno la media delle risposte subito dopo aver votato.
  • DOMANDE: questa funzione permette di fare delle vere e proprie domande a cui l’utente potrà dare una risposta libera.

How-to-Create-Polls-in-Instagram-Stories

APPROFONDIMENTO

Un altro elemento saliente delle Instagram Stories è la possibilità di inserire dei link esterni di approfondimento, cosa che invece non è assolutamente possibile fare nei post normali.

Ecco quindi che le storie possono diventare un modo per anticipare un post sul blog, o un prodotto sul sito.

MISURARE

Infine, anche le storie di Instagram, come qualsiasi altro canale social, mettono a disposizione uno strumento apposito per la misurazione delle performance, che in particolare permette di avere dati statistici su:

  • Impression: le visualizzazioni totali della tua storia da parte degli utenti; si tratta di un dato rilevante, ma non troppo preciso perché non ti dice quante persone in tutto l'hanno vista, e qualcuno potrebbe averla visionata più di una volta.
  • Copertura (reach): integra il dato precedente e ti mostra quanti utenti unici hanno visualizzato la tua storia almeno una volta.
  • Uscite (exit): mostra il numero delle persone che hanno interrotto la visione prima di arrivare alla fine della stessa e può fornirti una prima indicazione sul gradimento del contenuto da parte degli utenti.
  • Indietro: quante volte gli utenti hanno toccato il comando ‘Indietro’. Un numero elevato può indicare che gli utenti hanno apprezzato così tanto la tua storia precedente da tornare indietro per rivederla più volte.
  • Avanti: indica il numero di tocchi che sono stati fatti per vedere la storia successiva alla corrente. Un numero elevato potrebbe essere il segnale che il contenuto non è stato interessante per il tuo pubblico.
  • Risposte: indica il numero di messaggi diretti che hai ricevuto in risposta alla tua storia; anche in questo caso, se questo valore è alto potrebbe significare che il contenuto ha stimolato molto interesse!

INTEGRA LE IG STORIES NELLA TUA STRATEGIA DI MARKETING DIGITALE

Le storie su Instagram si sono rivelate negli ultimi anni un formato innovativo, che piace agli utenti e che offre infinite possibilità alle aziende per interagire con il proprio pubblico. In questo articolo abbiamo chiarito alcuni elementi caratterizzanti, accennando ad alcune tecniche che possono aiutarti a raccontare la tua azienda su Instagram attraverso questo strumento sorprendente.

Ora non resta che pensare a un piano strategico appositamente pensato per questo formato e produrre il contenuto giusto per i tuoi follower.

Hai ancora qualche dubbio o vorresti qualche suggerimento mirato per la tua azienda? Parliamone! Sei pronto a raccontarci la tua storia? Richiedi un appuntamento!