Hai deciso finalmente che è giunto il momento di creare i profili social della tua azienda. Ora però bisogna scegliere quali post pubblicare nei social network, e non è così semplice come sembra. Per fortuna ci possono essere dei trucchi da seguire, verificando quali elementi evitare e quali non devono assolutamente mancare.

1. Analizza il tuo target, studia i tuoi competitor

Attraverso l’analisi del target di riferimento, potrai capire gli argomenti che interessano ai tuoi utenti in relazione alla tua azienda. Se hai già attivato da tempo un profilo Facebook, Instagram o Twitter che sia, potrai analizzare i vari contenuti che hai pubblicato, traendo ispirazione da quelli che hanno avuto un maggior successo.

Nel caso in cui tu stia attivando i tuoi profili social, il consiglio è quello di studiare come si muovono i tuoi competitor: cosa pubblicano? Che risultati ottengono? Con quale feedback? Analizzare la loro strategia consentirà di non commettere gli stessi errori, prendendo spunti utili, ma senza copiare! Facebook ti aiuta in questo senso: grazie agli Insight offre infatti la possibilità di aggiungere in un'apposita sezione le fan page che vogliamo tenere d'occhio, misurandone l’engagement da parte del pubblico e i risultati ottenuti rispetto alla tua pagina.

2. Immagini e video

Quando crei un post per i tuoi social network, non soffermarti solamente all’inserimento del testo, senza pensare a immagini o video. Delle foto o dei video accattivanti infatti possono incrementare le interazioni in maniera esponenziale, con un engagement maggiore rispetto a post con link e testo.

I consigli da seguire sono quello di rispettare le dimensioni prestabilite per ogni social, cercando di essere al tempo stesso originali creando uno stile unico. La scelta del colore sarà qui fondamentale: cerca di richiamare quelli utilizzati sul tuo sito web, sulle locandine, sui biglietti da visita... in questo modo la comunicazione risulterà molto più lineare e connessa.

3. Contenuti positivi

I contenuti positivi ottengono più like e condivisioni rispetto a quelli negativi. I post che possono essere di aiuto ai follower saranno maggiormente premiati rispetto a quelli che generano ansia e preoccupazione. Inoltre, migliorano la percezione del tuo brand, creando valore.

Ma non solo: Facebook seleziona il ranking delle notizie che appaiono sulla home degli utenti che entrano sulla piattaforma, e quindi anche la visualizzazione dei post della nostra pagina. Quelli contenenti parole positive vengono resi maggiormente visibili rispetto ai negativi, che saranno invece penalizzati.

4. Sfrutta Google

Google è un motore di ricerca capace di esaminare milioni di siti web per aiutarci a trovare le informazioni che maggiormente ci interessano. Si tratta di una fonte pressoché inesauribile di conoscenza e approfondimenti.

Anche se sembra banale, è importante saperlo sfruttare per arricchirsi e documentarsi rispetto agli argomenti che vogliamo trattare. Qui possiamo trovare i siti più autorevoli che trattano i temi di nostro interesse, da cui potrai trarre spunto per creare post interessanti, innovativi e informativi. Con un occhio di riguardo all’originalità: mai copiare i contenuti!

5. Uso dei sondaggi

I sondaggi sono una tipologia di contenuto che stimola il naturale coinvolgimento degli utenti sulle tue piattaforme. L'utente infatti si sente chiamato in causa, ed è più propenso alla partecipazione attiva.

Per un'azienda che commercializza prodotti o vende servizi è decisivo effettuare indagini e ricerche di mercato per verificare il grado di soddisfazione o di percezione positiva o meno dei propri prodotti o servizi. Attraverso i social, e in particolare grazie ai sondaggi, è possibile farlo in maniera semplice e veloce, chiedendo direttamente al consumatore un'opinione a riguardo.

6. No ai contenuti autoreferenziali

Pubblicare contenuti autoreferenziali significa parlare solo di te stesso e della tua azienda, senza lasciare spazio a informazioni che possano essere un valore aggiunto per gli utenti. Condividere link o articoli di altri siti, ma anche condividere contenuti ludici, ti farà apprezzare dai tuoi follower più di quanto pensi.

Ciò non vuol dire che ci sia qualcosa di sbagliato nel pubblicare post promozionali relativamente alla tua azienda e ai tuoi prodotti. Parlare solo di te potrebbe però risultare controproducente. Affinché siano funzionali, è bene mixarli con contenuti disinteressati, lontani dal business, e che, magari, stimolino l'interazione.Gli utenti amano le citazioni e le immagini capaci di raccontare qualcosa.

7. Lavora sui contenuti generati dai tuoi utenti

Gli utenti che parlano di prodotti, servizi, aziende, o del loro rapporto con i brand sono una fonte di marketing importante. Si tratta di un valore aggiunto: coltivare il protagonismo dei clienti, coinvolgerli e creare condivisione attraverso domande ti consente di aumentare visualizzazioni e di ottenere una brand image positiva.

Stimolare la partecipazione e l’interazione è fondamentale per ottenere visibilità e attenzione da parte degli utenti. Potresti sfruttare i contest per fare questo. Coinvolgere gli utenti con determinati giochi online, stimolandoli a condividere foto o video dei prodotti/servizi offerti dalla tua azienda, farà incrementare le visualizzazioni della tua pagina e la partecipazione, facendo sentire gli utenti importanti.

Conclusioni

Non esiste una ricetta magica. Sperimenta, crea engagement, coinvolgi il tuo pubblico e intercettalo nelle conversazioni online. Fai in modo che parlino di te e che ne abbiano un’immagine positiva. Non essere autoreferenziale, crea un valore aggiunto attraverso contenuti originali e informativi, utilizzando foto e video coinvolgenti e, magari, generati dagli utenti stessi.

 Come aumentare i clienti ed il fatturato grazie al web? Leggi la Case History di Geotur